Fondo nazionale reddito energetico: 200 milioni per famiglie in disagio economico

Il Decreto del Ministro Pichetto consentirà la realizzazione di impianti fotovoltaici in assetto di autoconsumo

Data:

12 settembre 2023

Immagine principale

Descrizione

Con la firma del decreto del MASE, è ufficialmente nato il Fondo nazionale reddito energetico, con una dotazione complessiva di 200 milioni per le famiglie in disagio economico, destinato alla realizzazione di impianti fotovoltaici in assetto di autoconsumo.

L’obiettivo è consentire l’accesso agevolato all’energia rinnovabile per persone che appartengono a nuclei familiari con ISEE inferiore ai quindicimila euro o a trentamila, avendo almeno quattro figli a carico

Il Fondo Reddito Energetico, alla cui operatività lavora il Gestore Servizi Energetici (GSE), è di natura rotativa e mette a disposizione per le annualità 2024-2025 complessivi duecento milioni di euro, per gran parte nel Mezzogiorno: sono infatti destinatari dell’80% delle risorse le Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Il Fondo può essere incrementato con un versamento volontario da parte di amministrazioni centrali, Regioni, Province, ma anche organizzazioni pubbliche e realtà no-profit.

E’ spiegato nell’articolato che gli impianti fotovoltaici al servizio di unità residenziali nella disponibilità di nuclei familiari in condizione di disagio economico debbano essere di potenza nominale non inferiore ai due kilowatt e non superiore ai sei, o comunque non andare oltre la potenza nominale in prelievo sul punto di connessione.

Gli impianti, per i quali il decreto destina un contributo in conto capitale, devono essere realizzati su coperture e superfici, aree e pertinenze di cui il soggetto beneficiario sia titolare di un valido diritto reale.

Fonte: Omnia del Sindaco

Pagina aggiornata il 11/04/2024